Pinnacle Studio 17 Ultimate recensione

Pinnacle Studio 17 Ultimate recensione

Immagine 1 di 4

Pinnacle Studio 17 Ultimate

Pinnacle Studio 17 Ultimate
Pinnacle Studio 17 Ultimate
Pinnacle Studio 17 Ultimate
£ 58 Prezzo se recensito

Pinnacle Studio è stato uno dei principali attori nei primi giorni dell'editing video per PC, spesso preinstallato sui nuovi PC e in bundle con l'hardware di acquisizione di Pinnacle. Tuttavia, non è stato fino all'acquisizione da parte di Avid nel 2005 che i problemi cronici di affidabilità di Studio hanno iniziato a dissiparsi. Nel 2011, è stato rinominato e ha cambiato nuovamente proprietario nel 2012, questa volta in Corel.

La versione 17 è la seconda edizione sotto Corel e l'installazione ci ha ricordato fino a che punto è arrivata. L'edizione Ultimate che abbiamo testato è ricca di extra; la sua cronologia è semplice e reattiva per navigare; e i media, gli effetti, le transizioni e altre risorse sono ben organizzati.

Pinnacle Studio 17 Ultimate

Gli effetti e le librerie di modelli non sono più disseminati di contenuti extra a pagamento. Invece, Studio 17 Ultimate include alcuni dei migliori effetti di qualsiasi editor consumer. Il clou è il Red Giant Filmmaker Toolkit, una suite di tre effetti che offre sofisticati trattamenti di gradazione del colore. Altri editori di consumo affermano di fornire effetti dall'aspetto cinematografico, ma la qualità disponibile qui è di un altro livello.

Una nuova funzionalità chiave di Studio 17 Ultimate è il supporto per i video 4K. Abbiamo importato filmati 4K da una Panasonic Lumix GH4 e GoPro Hero 3 Black Edition e il software non ha avuto problemi a rilasciarli sulla timeline. Le prestazioni di anteprima sul nostro PC Core i7-870 erano inaccettabilmente scarse, tuttavia, con molti fotogrammi persi e lunghe attese durante la navigazione nella timeline.

Pinnacle Studio 17 Ultimate

Questi problemi sono scomparsi una volta attivata la funzione di ottimizzazione della riproduzione del software, responsabile della generazione di proxy a bassa risoluzione dei contenuti della timeline. Questo processo ha richiesto circa il doppio del tempo per la generazione rispetto alla lunghezza del metraggio. È anche importante notare che il sistema di Pinnacle sviluppa file proxy per la timeline, non il filmato grezzo. È in grado di riutilizzare gli stessi file proxy durante il taglio o il riordino delle clip, ma l'applicazione o la regolazione degli effetti e la sovrapposizione di testo o grafica richiede che il file proxy per quella sezione venga ricostruito da zero. Questo può richiedere un pesante tributo ai progressi, specialmente quando si apportano sottili modifiche agli effetti ad alta intensità del processore.

Non è una patch su Sony Movie Studio 13 Platinum quando si tratta di gestire i media 4K: il software di Sony può convertire i media 4K durante l'importazione e renderizzare le sezioni della timeline su richiesta. Più significativamente, è stato in grado di riprodurre filmati GH4 4K grezzi sul nostro PC di prova senza perdere fotogrammi.

messaggi recenti